Come accordare la chitarra con APTuner

Come accordare la chitarra con APTuner

Per accordare la chitarra, a meno di non possedere “l’orecchio assoluto”, un tempo era assolutamente necessario acquistare un accordatore cromatico elettronico. Da un bel po’ di anni le cose sono cambiate e grazie ad internet è possibile reperire risorse per l’audio e la musica, impensabili fino a qualche decennio addietro.

Infatti, tra le tante risorse presenti nel Web, vi sono anche software di cui i musicisti non possono più fare a meno. Fra queste risorse, vi sono anche accordatori cromatici virtuali che funzionano alla stregua di quelli “hardware” tradizionali.

A tal proposito, in questa guida vedremo come accordare la chitarra con APTuner, un software disponibile sia per i sistemi operativi Windows (in versione shareware), sia come App (a pagamento) per dispositivi iOS.

Vediamo allora come collegare le differenti chitarre: elettriche, acustiche e classiche alla scheda audio, per accordarle rapidamente con il programma APTuner.

Tuttavia, prima di passare al tutorial vero e proprio, chiariamo un attimo alcuni concetti, inerenti la relazione esistente tra: notazione musicale anglosassonenotazione italiana, relative frequenze alle quali corrispondono le note musicali prodotte dagli strumenti.

Come accordare la chitarra: Notazione musicale e Frequenze

Diapason

Diapason

Per meglio comprendere questo concetto è necessario fare un breve accenno ad un particolare strumento che prende il nome di diapason.

Il diapason è realizzato in maniera tale da emettere una nota musicale ben precisa, ovvero la nota La3 (il numero 3 sta ad indicare l’ottava… argomento di cui, eventualmente, parleremo in “separata sede”).

La frequenza della nota La3 corrisponde a 440 Hz, è rappresenta il punto di riferimento per l’accordatura degli strumenti. (In realtà ci sarebbe molto da dire sulla calibrazione a 432 Hz, 442Hz, 444 Hz… ma, ancora una volta, ci addentreremmo in questioni che ai fini di questo tutorial non ci interessano… eventualmente ne parleremo in futuro)

Ricapitolando, una nota non è altro che un’onda sonora caratterizzata da una frequenza: più è elevata tale frequenza più la nota è acuta. Al contrario, a note gravi corrispondono onde sonore con frequenze più basse.

A livello internazionale, per indicare le note dell pentagramma si utilizza la nomenclatura anglosassone, che fa riferimento alle prime lettere dell’alfabeto. Di conseguenza, avremo quanto segue:

  • La3 = A3 = 440 Hz
  • Si4 = B4 = 494 Hz
  • Do4 = C4 = 262 Hz
  • Re4 = D4 = 294 Hz
  • Mi4 = E4 = 330 Hz
  • Fa4 = F4 = 349 Hz
  • Sol4 = G4 = 392 Hz

Assodato, grossomodo, questo concetto, vediamo nella pratica come accordare la chitarra, utilizzando il software APTuner.

Come accordare una chitarra elettrica con APTuner

Per accordare una chitarra elettrica col Pc, possiamo procedere in due modi:

  • Collegare direttamente il jack agli ingressi dedicati della scheda audio.
  • Collegare la chitarra ad un mixer, il quale a sua volta sarà collegato agli ingressi della una scheda audio.

Come configurare APTuner

Come configurare APTuner

Effettuati i collegamenti, previo download, installiamo l’accordatore software APTuner seguendo le semplici indicazioni che appaiono sullo schermo. Terminata l’installazione lanciamo il programma da StartProgrammi APTuner.

Come indicato nello screenshot, configuriamo il software cliccando su Recording → Recording Device and Calibration, e selezioniamo l’ingresso della scheda audio che riceve il segnale della chitarra, nella finestra Device to use.

Come accordare una chitarra acustica o classica

Per le chitarre acustiche (prive di microfono piezoelettrico) e le chitarre classiche, è necessario utilizzare un microfono. Quindi, poniamo quest’ultimo all’altezza della buca della cassa armonica e colleghiamolo all’ingresso microfonico della periferica audio.

Se il volume in ingresso nel PC dovesse risultare troppo basso, anche in questo caso, possiamo servirci di un mixer. In ultima istanza, si può utilizzare il microfono integrato del PC, evitando l’utilizzo della periferica audio esterna e del mixer.

A questo punto non resta che pizzicare a vuoto, una per volta, le corde della chitarra. Se l’accordatore APTuner mostra la lancetta spostata a sinistra dello zero, vuol dire che le note sono calanti. Dobbiamo, quindi, girare le chiavette della chitarra verso sinistra, sino a quando la lancetta non si posiziona sullo 0.

Se la lancetta è spostata verso destra rispetto allo zero, vuol dire che le note sono crescenti. In questo caso, dobbiamo girare le chiavette verso destra, finché la lancetta non raggiunge lo 0, così da intonare correttamente le note.

Per dirla tutta, quando le note risultano crescenti, bisogna allentare le corde della chitarra, rendendo le note calanti e solo dopo intonarle correttamente nel modo visto sopra. Operando in questa maniera la corde risultano maggiormente in tensione e tenderanno a tenere meglio e, relativamente più a lungo, la corretta intonazione.

Conclusioni

Abbiamo visto quindi, come accordare la chitarra con APTuner. Come dicevamo in apertura c’è anche la possibilità di acquistare la relativa App per dispositivi iOS.

In base alle tue esigenze, quindi, puoi valutare quale delle due soluzione è, per te, la più congeniale.

Ebbene, anche per questa volta è tutto… non mi resta che salutarti ed invitarti a ritornare su queste pagine per la lettura dei prossimi contenuti… buona musica ed alla prossima!