In questo tutorial post, vediamo come collegare il mixer alla scheda audio e riversare i segnali audio ripresi sul PC, per poterli elaborare col nostro sequencer audio preferito.

La ripresa del segnale audio

Come collegare il mixer alla scheda audio

Innanzitutto è necessario inviare al mixer i segnali dello strumento da riprendere.

Se la fonte sonora è uno strumento acustico oppure una voce, dovremo microfonarla e collegare il relativo cavo all’entrata XLR del mixer.

Se invece desideriamo riprendere uno strumento come una tastiera o una chitarra elettrica utilizzeremo: per la tastiera un ingresso di linea, mentre per la chitarra un ingresso per strumenti ad alta impedenza.

Come collegare il mixer alla scheda audio

Come collegare il mixer alla scheda audio

Come collegare il mixer alla scheda audio

Per poter registrare il segnale proveniente dal mixer, quest’ultimo, deve essere inviato alla scheda audio.

A tal fine utilizziamo le uscite Sub Out relative ai gruppi di canale poste sul retro del nostro mixer.

Colleghiamo l’altra estremità del cavo agli input della periferica.

In questo modo siamo in grado di scegliere dal pannello del mixer quali canali mandare in ingresso alla scheda audio.

Conversione del segnale analogico in digitale

Come collegare il mixer alla scheda audio

Terminata la connessione tra i due apparecchi, la scheda audio avrà la funzione di convertire il segnale analogico proveniente dal mixer in un’informazione digitale pronta per essere scritta sul disco rigido del computer.

In questo interverrà l’audio sequencer e l’editor installato sul PC.

Riportiamo il segnale nel Mixer

Come collegare il mixer alla scheda audio

Una volta registrate le varie tracce audio e modificate attraverso l’uso dei nostri effetti preferiti, possiamo rientrare nei canali del mixer sfruttando gli output della scheda audio.

Generalmente le interfacce audio di buon livello sono dotate dello stesso numero di connessioni in entrata e in uscita.

Questa operazione ci permette il monitoraggio delle singole tracce processate.

I tre Mixer della catena di acquisizione

Come collegare il mixer alla scheda audio

Chiunque lavori con un sistema come quello appena descritto sa che si troverà ad operare con tre mixer differenti: il mixer analogico, il mixer virtuale contenuto nel pannello di controllo della scheda audio, ed il mixer del sequencer.

Quindi è importante capire come farli interagire, realizzando una corretta acquisizione del segnale.

Il Mixer della scheda audio

Come collegare il mixer alla scheda audio

Tutte le periferiche audio di buon livello possiedono un mixer virtuale integrato nel proprio pannello di controllo.

In fase di regolazione del segnale è però del tutto deleterio utilizzarlo.

Per non aumentare il numero di variabili in gioco, è consigliabile impostare un valore prossimo a 0 dB, sia sul Master, che su tutti i Fader relativi alle entrate fisiche della scheda.

Il Mixer del sequencer

Come collegare il mixer alla scheda audio

Per i motivi appena esposti anche i questo caso è consigliabile impostare il Fader del Master e quelli dei singoli canali, sul valore 0 dB.

Tali Fader sono necessari una volta registrate tutte le tracce, nel caso volessimo missare il nostro lavoro esclusivamente in ambiente software, direttamente all’interno del sequencer.

Il Mixer analogico

Il Mixer analogico

Per regolare al meglio il guadagno in ingresso ed evitare distorsioni, bisogna attivare il tasto PFL.

Questa operazione permette di visualizzare sul VU Meter d’uscita l’ampiezza del segnale indipendentemente dalla posizione del Fader.

Regoliamo il Gain affinchè sull’indicatore non venga superato il valore di 0 db in corrispondenza del punto di maggiore pressione sonora del segnale.

Per ora è tutto… buona registrazione!