Impostare i controlli dei riverberi e delay sia hardware che software

Impostare i controlli dei riverberi e delay – L’immagine mostra il plugin Abbey Road Reverb Plates di Waves

Come impostare i controlli dei plug-in dedicati all’emulazione dell’ambiente, ovvero, riverberi e deley?

Cosa stanno ad indicare termini come: Pre-Delay, Multi-Tap, Ping-pong?

Questi termini stanno ad indicare i parametri che caratterizzano la maggior parte dei processori d’effetti d’ambientazione, sia hardware che software.

Spesso questi parametri vengono tralasciati, in quanto, i vari plug-in e rack d’effetti mettono a disposizione numerosi preset “pronti all’uso”, per ogni tipologia di traccia audio che s’intende elaborare.

Tuttavia, per avere il pieno controllo e personalizzare il suono in tutti gli aspetti, è necessaria una regolazione fine dei parametri sopracitati.

Vediamo, quindi, cosa sono e come impostarli al meglio.

Impostare i controlli dei riverberi e delay

Cos’è il Pre Delay

Solitamente espresso in ms (millisecondi), il Pre-Delay è l’intervallo temporale che trascorre prima che il delay cominci a funzionare.

Il Pre-Delay serve a rendere più reale l’effetto d’ambientazione: in natura, l’ascoltatore percepisce prima il suono diretto e solo successivamente i suoni riflessi.

Un tempo di Pre-Delay molto basso dà la sensazione di uno spazio ristretto (e viceversa).

Cos’è il Delay Time

Il Delay Time è il tempo che trascorre tra il suono diretto e le successive ripetizioni.

È bene regolare questo valore in modo che il delay vada a tempo con la traccia.

Solitamente, i plug-in presentano la funzione Sync che permette al plug-in di sincronizzarsi automaticamente al sequencer.

Cos’è il filtro passa alto

Il filtro passa alto, del quale abbiamo già parlato nel post relativo ai vari tipi di filtri dell’equalizzatore, deriva dall’inglese High-Pass Filter (HPF) ed è un parametro presente su vari tipi di effetti.

L’HPF, serve a tagliare tutte le frequenze al di sotto di una frequenza limite (impostabile dall’utente), facendo passare solo quelle più alte.

L’HPF, va utilizzato quando si vuole impedire alle frequenze basse di entrare nell’effetto, per evitare di “impastare” troppo il suono.

Cos’è il filtro passa basso

II Low-Pass Filter (LPF) funziona esattamente al contrario dell’High-Pass Filter: taglia tutte le frequenze al di sopra di una, frequenza, impostabile.

Può tornare utile quando si usa un riverbero su un suono molto squillante, per evitare un’eccessiva brillantezza sonora che potrebbe diventare fastidiosa.

Cos’è il Feedback o Regeneration

Tutte le unità di delay hanno un controllo di Feedback detto anche Regeneration.

Questa funzione prende l’uscita audio generata dal delay e la rimanda nuovamente all’ingresso.

In questo modo il suono è ripetuto più volte di seguito (senza il Feedback si avrebbe una sola ripetizione).

In molti casi il valore di Feedback è espresso in percentuale, dall’1 al 99%.

Più è alto questo valore, maggiore sarà il numero delle ripetizioni successive.

Cos’è il Multi-Tap Delay

SuperTap Delay di Waves

SuperTap Delay di Waves

È un tipo di delay che permette di prelevare più volte la sua uscita e rinviarla in ingresso.

La differenza con il Feedback sta nel fatto che nel Multi-Tap Delay è possibile prelevare vari segnali parziali ed inviarli tutti all’input da diversi punti nella catena di delay, aumentando le possibilità creative.

Le unità di Feedback sono denominate con il numero dei “Tap” disponibili: 3-Tap, 4-Tap etc.

Cos’è il Ping-Pong Delay

Il Ping-Pong Delay produce un suono rimbalzante, come il nome suggerisce.

Le riflessioni, infatti, avvengono tra il canale destro e quello sinistro di un segnale stereofonico.

Per funzionare, il Ping-Pong, utilizza due distinti delay: uno per ogni canale.

E’ possibile inviare il medesimo segnale ad entrambi gli ingressi o due segnali diversi.

Cos’è il Reverb Time

Il parametro Reverb Time imposta la durata del riverbero dopo l’esaurimento del suono originale in ingresso.

Per un riverbero piccolo si può utilizzare un valore di circa 300-500 ms, mentre per un riverbero medio si può arrivare ad 1 secondo.

Tempi superiori sono sconsigliabili e vanno usati solo per creare effetti speciali e per pochi istanti.

Cos’è la Room

Nei riverberi, il parametro Room (o RoomSize) si riferisce alle dimensioni dell’ambiente che si vuole ricreare.

Ogni riverbero usa un proprio sistema per indicare tale valore: metri cubi o scala arbitraria (da 1 a 100).

Non esiste un valore ideale, ma è sempre buona norma non eccedere.

Cosa sono le Early Reflection

Le Early Reflection sono le prime riflessioni del suono.

In genere gli effetti permettono di regolarne la durata e l’intensità.

Una durata lunga dà l’idea di un ambiente ampio; una durata breve, invece, dà l’idea spazi ridotti.

Con una bassa intensità è possibile far risaltare la coda del riverbero per dare un senso di grande profondità come quella di una caverna.

Conclusioni

Abbiamo visto a grandi linee come impostare i controlli dei plug-in dedicati all’emulazione dell’ambiente e come agiscono i vari parametri sul suono che intendiamo processare.

Come sempre, nei prossimi post cercheremo di approfondire l’argomento.

Tuttavia, ora che sai come ogni parametro agisce sul suono, puoi cominciare a sperimentare sulle tue produzioni musicali con cognizione di causa.

Per il momento è tutto… Buon lavoro.