Applicare una normalizzazione ad un file audio significa modificarne il segnale contenuto in modo che raggiunga il massimo volume prima della distorsione. Tale operazione si esegue prima della masterizzazione delle tracce su CD, per far sì che il volume dei brani siano comparabili.

Cosa fa l’algoritmo di Normalizzazione?

Normalizzazione

L’algoritmo di normalizzazione analizza l’ampiezza del file audio per trovare il suo valore di picco. Se tale valore è minore di 0 dB (soglia di distorsione) tutto il segnale viene aumentato fino a che il valore di picco risulti pari a questa soglia. Operando in questa maniera riusciamo ad ottenere il massimo volume della traccia audio.

Normalizzazione in negativo

Potrebbe accadere di non voler ottenere il massimo volume di una traccia, ma soltanto assicurarci che il segnale si mantenga sotto un certo valore. Uno di questi casi è la preparazione delle tracce audio per essere masterizzate su CD.

In questa fase è consigliabile mantenere un valore del volume inferiore al 98% (0 dB = 100% del volume ottenibile), poiché alcuni lettori potrebbero non essere in grado di riprodurre lo 0 dB. Solitamente la soglia viene impostata sul valore – 0,1 dB (± 98%).

Non di rado la soglia viene impostata a – 0,3 dB, affinché l’audio possa essere riprodotto anche attraverso dispositivi non proprio di ultima generazione. Quindi, normalizzando con una soglia inferiore al 100%, l’incremento di volume ottenuto è minore.

Inoltre, se il picco più alto del segnale originale è superiore alla soglia da noi stabilita, il risultato finale sarà una attenuazione generale.

Normalizzazione e qualità dell’audio

L’applicazione ripetuta della normalizzazione, porta a un degrado della qualità del segnale solo se il suo volume non viene alterato (e in particolare abbassato). Un incremento generale dell’ampiezza del segnale comporta anche un incremento del rumore contenuto.

Per assurdo, se facessimo seguire alla normalizzazione una diminuzione di volume e poi ancora, ciclicamente, ripetessimo le due operazioni per un numero elevato di volte, ci troveremmo alla fine con poco segnale e solo rumore.

Ciò è dovuto al fatto che: una diminuzione del volume appiattisce la dinamica del segnale, eliminando le parti a bassa intensità. Un successivo incremento ricostruirebbe queste ultime, ma sostituendole col rumore in esse contenuto.