Organo Combo VOX

Organo combo VOX Continental

L’organo combo VOX cominciò a svilupparsi nei primi anni Sessanta cercando di creare un’alternativa economica agli organi Hammond.

L’operazione non ebbe grande successo; tuttavia l’organo combo VOX riuscì a crearsi un proprio spazio commerciale dovuto ad un suono caratteristico e personale.

Il modello più noto è il VOX Continental il quale ha caratterizzato il sound di gruppi importanti, come Doors, Beatles, Animals… per citarne alcuni.

Organo combo VOX: Le caratteristiche del VOX Continental

Solitamente il generatore sonoro è caratterizzato da dodici oscillatori a transistor al germanio. Ogni oscillatore si occupa della generazione di un tono, ovvero il suono base dell’organo combo VOX.

Come per gli Hammond, anche qui sono presenti i drawbar per il controllo dei toni.

A parte i componenti indispensabili (resistenze e condensatori), nell’organo combo VOX Continental sono totalmente assenti integrati e circuiti vari.

Il suono risultata particolarmente aggressivo, tendente più alla forma d’onda quadra di un synth che a quella sinusoidale dell’Hammond.

I modelli VOX Continental sono tre:

  • V301J costruito in Inghilterra con tasti in legno.
  • V301E la versione italiana con transistor al germanio e i tasti in plastica.
  • V301H costruito in America con drawbar bianchi e rosso bordeaux.

Curiosità storiche

Il nome VOX venne usato a partire dalla fine degli anni Cinquanta per denominare alcuni amplificatori prodotti dalla JMI, la ditta che realizzò uno dei primi organi portatili della storia: l’Univox.

Nel 1962, venne presentato il primo organo combo Vox Continental dal design futuristico e dalle sonorità particolarmente affascinanti.

Nel 1964 la distribuzione dell’organo combo VOX Continental passò nelle mani dell’azienda Thomas Organ, che si accaparrò il mercato europeo e cominciò a far sbarcare negli USA il Continental.

Uno dei modelli maggiormente apprezzati dai musicisti fu quello realizzato dalla ditta italiana EKO.

Non solo VOX Continental

Nel corso di un incontro a Portofino, la JMI, la Thomas e l’italiana EKO discussero sulle possibilità commerciali di un’eventuale joint venture. Analizzarono i dettagli tecnici e fondarono una compagnia denominata EME (Elettronica Musicale Europea).

Oltre a realizzare gli organi VOX Continental e Super Continental, la EME realizzò il Continental Baroque, il modello Jaguar, il Continental 300 ed il Corinthian.

La richiesta del modello Jaguar fu superiore alle aspettative e alle effettive capacità di produzione della EME. Per questo motivo l’azienda fondò un’ulteriore compagnia: la GEM, che si incaricò di sviluppare lo Jaguar V304 e il VOX junior.

Per comprenderne le sonorità dell’organo Vox ascoltate “In a gadda da vida” (anno 1968), degli Iron Butterfly.

Strumenti Vintage: Post correlati