SpectraLab 432

Interfaccia SpectraLab 432

Hai terminato il mix del tuo ultimo lavoro, masterizzi il brano su CD, lo inserisci in un impianto Hi-Fi e stranamente suona malissimo!

Questo accade perché il comportamento dei vari altoparlanti, finali di potenza, uscite delle schede audio e dell’intero sistema di riproduzione non è mai uguale.

Come è possibile fare suonare i nostri mix perfettamente dappertutto?

Probabilmente rimarrai deluso, ma questo non è possibile. Si possono solo prendere una serie di accorgimenti per fare in modo che il brano suoni bene in svariate situazioni.

A tal fine bisogna ottenere un ascolto più neutro possibile. Per fare questo è essenziale conoscere bene il comportamento della scheda audio, monitor e acustica della sala regia.

In questo post cercheremo di analizzare la riposta in frequenza di un sistema di monitoring utilizzando un microfono da misurazione ed il software SpectraLAB 432, per l’analisi spettrale in tempo reale.

Sarà quest’ultimo, grazie al suo generatore interno, a fornire il segnale di test per determinare la risposta in frequenza del sistema di ascolto.

Il passo successivo sarà di appiattire il più possibile la risposta in frequenza utilizzando un equalizzatore grafico per ottenere un ascolto neutro.

Come intervenire sullo spettro di frequenze

Come intervenire sullo spettro di frequenze

SpectraLab 432

Installa SpectraLab, una volta effettuato il download dal sito, e avvia il programma.

Scegli gli ingressi e le uscite della scheda audio dal menu: Options →Device → Device Selection

Ai primi collega le uscite del mixer, che trasporteranno il segnale del microfono, mentre le seconde andranno verso i monitor.

Segui questo percorso: Utilities → Signal generator e dal menù a tendina scegli White Noise.

Regola eventualmente il livello, cliccando su Level.

Clicca su Run per far partire il generatore di rumore.

Microfono da misurazione

Adesso prepara il microfono per effettuare il test.

Dando per scontato che i monitor siano disposti in maniera corretta, non troppo vicini al muro e in modo da costituire con la testa del fonico un immaginario triangolo equilatero, metti il microfono esattamente al posto della testa.

Il microfono è a condensatore, quindi necessita di alimentazione. Puoi utilizzare una semplice batteria stilo o l’alimentazione phantom fornita dal mixer e dalle schede audio con ingressi XLR.

Il grafico dello spettro del rumore bianco è piatto su tutte le frequenze: SpectraLab rivela tale segnale con una semplice linea retta, con un guadagno di 0 dB (se ci sono discordanze nel valore del guadagno basta agire sul gain del microfono).

Puoi ora dare inizio al test cliccando sul tasto Run presente nella barra degli strumenti.

SpectraLab mostrerà lo spettro del segnale emesso dai monitor, e catturato dal microfono in tempo reale.

Per congelare il grafico ed esaminarlo con più calma, clicca su uno dei 4 slot Overlay, dopo averlo abilitato.

Per terminare il test premi il tasto Stop.

Equalizzatore grafico

Equalizzatore in cascata

Equalizzatore in cascata

Adesso per compensare le imperfezioni visualizzate, collega in cascata un equalizzatore hardware subito prima dei monitor nearfield.

La correzione avviene su di esso riproducendo a testa in giù il grafico visualizzato da SpectraLab. Lo stesso risultato si ottiene via software applicando un equalizzatore virtuale all’uscita master del audio sequencer utilizzato.

Buon test!